DSapp: come accorgersene...

I Disturbi Specifici dell'Apprendimento interessano alcune specifiche abilità dell'apprendimento scolastico, in un contesto di funzionamento intellettivo adeguato all'età anagrafica. Parliamo di: dislessia (disturbo di lettura), disortografia e disgrafia (disturbo di scrittura), discalculia (disturbo del calcolo)

Come accorgersi se qualcosa non va ...

Possiamo osservare i primi campanelli d'allarme nel corso del primo anno della Scuola Primaria e anche prima ...

Prima dell'ingresso alla Scuola Primaria, possiamo osservare:

- un incompleto sviluppo del linguaggio, per cui il/la bambino/a non pronuncia correttamente tutti i suoni della lingua o li sostituisce all'interno delle parole (probabile Disturbo specifico di linguaggio)

- difficoltà di coordinazione (è goffo, non riesce ad acquisire un'impugnatura corretta né a colorare dentro spazi prestabiliti)

- si mostra molto irrequieto e non riesce mai a portare a termine un gioco o un'attività che ha iniziato

Scuola Primaria

I bambini con difficoltà di apprendimento sono lenti, si distraggono facilmente, confondono e scambiano le lettere e i numeri fra loro (a/e, a/o, f/v, b/d), compiendo numerosi errori.

Per quanto concerne la lettura, possono essere indicativi il permanere di una lettura sillabica ben oltre le metà della prima classe primaria; la tendenza a leggere la stessa parola in modi diversi nel medesimo brano; il perdere frequentemente il segno o la riga. (Linee Guida MIUR, 2011 - https://www.miur.gov.it/disturbi-specifici-dell-apprendimento-dsa-)

Leggere, scrivere e fare calcoli (tabelline) per loro è davvero frustrante e molto più difficile rispetto ai coetanei. A volte, un genitore può riconoscersi nelle difficoltà del figlio poiché c'è effettivamente una familiarità per il disturbo.

Scuola secondaria

I ragazzi con un Disturbo Specifico dell'Apprendimento, se non riconosciuto prima, presentano comunque una certa lentezza nella lettura, commettono più errori ortografici rispetto alla media dei coetanei, sbagliano a fare i calcoli e hanno difficoltà nel ricordarsi le tabelline.

Quando un docente osserva tali caratteristiche nelle prestazioni scolastiche di un alunno, predispone attività di recupero e potenziamento e, qualora non fossero sufficienti, sarà necessario comunicare alla famiglia quanto riscontrato, consigliandola di ricorrere ad uno specialista.